CAMPAGNA DI PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA COPPIA INFERTILE

Gli specialisti che collaborano con l’ Associazione Fertilità Onlus, svolgeranno  nel corso dell’ anno una serie di seminari sul tema dell’ infertilità.  I focus degli incontri potranno essere diversi, ma comune sarà l’ obiettivo di aumentare conoscenza e consapevolezza sul tema dell’ infertilità nella popolazione.

L’ approccio  metodologico che si ritiene utile allo sviluppo e sostegno della salute della coppia infertile è multidisciplinare, quindi coinvolge costantemente il dialogo tra professionisti di almeno tre settori: quello biologico, ginecologico e psicologico.

Agli incontri potranno partecipare donne che hanno avuto diagnosi di patologie ginecologiche correlate all’ infertilità, uomini con problematiche andrologiche e coppie infertili. Oltre a chiunque abbia un esplicito interesse.

La caratteristica di questa importante ed innovativa campagna è quella concepire la salute dell’ individuo in modo globale, quindi psicofisico così come recita Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS):

 " la salute è lo stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia"

Gli incontri avranno la caratteristica di essere strutturati come seminari, saranno gratuiti, serali (dalle 17:30 )  e brevi (due ore).

Il primo appuntamento si svolgerà  il 14 ottobre Presso L’ Associazione Psicologia Insieme Onlus - Via Morgagni 22 Roma (fermata B Policlinico)

Per partecipare all’ evento  è necessario prenotarsi compilando il forum sul sito

www.psicologiainsieme.it  oppure chiamare il 06.64012707 (Segreteria)

 L'infertilità femminile. Principali cause e trattamenti  

a cura della dr.ssa Silvia Rotondi, Psicologa Clinica, membro del comitato scientifico dell’ Associazione Fertilità onlus. (Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , 338-2672692)

Verrà inoltre offerta ai partecipanti la possibilità di prenotare una valutazione sia dello stress d' infertilità che dell' ansia di stato attraverso l' utilizzo del F.P.I (The Fertility Problem Inventory) di Cristopher R. Newton e collaboratori, e la versione italiana dello S.T.A.I. (Inventario per Ansia di Stato e di Tratto), Forma Y.

Strasburgo boccia la legge italiana n.40/2004

diagnosi preimpiantoPer la Corte di Strasburgo questa legge è incoerente, da riscrivere e deve consentire la diagnosi preimpianto.

Una coppia di coniugi italiani, a cui nel 2006 era nata una bambina affetta da fibrosi cistica, scoprirono così di essere entrambi portatori sani della malattia. Desiderando altri figli, i coniugi hanno chiesto di sottoporsi a fecondazione assistita per poter effettuare una  diagnosi preimpianto sull'embrione, ma non essendo loro infertili non possono accede alle  tecniche di PMA secondo quanto previsto dalla Legge 40. Hanno così deciso di ricorrere alla Corte Europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo e il loro ricorso è stato accolto.

Per i giudici di Strasburgo il sistema legislativo italiano sulla diagnosi preimpianto è incoerente perchè, secondo la legge, è obbligatorio trasferire comunque, o eventualmente crioconservare, gli embrioni che risultassero affetti da patologie, mentre sempre la legge italiana prevede l’interruzione di gravidanza entro il terzo mese se il feto risulta affetto da questa o altra patologia .

Da adesso quindi  per le coppie fertili sarà possibile accedere alle tecniche di riproduzione assistita e fare diagnosi preimpianto al fine di non trasmettere determinate malattie ai figli.